Finanziamenti

Decreto Liquidità Imprese

finanziamenti

PMI e imprese

modulistica

Nuovi strumenti di sostegno per la clientela imprese

Per contrastare gli impatti economici prodotti dal Corona Virus, il Governo ha messo a disposizione ulteriori opportunità per la clientela con il Decreto Liquidità (articolo 13 del DECRETO-LEGGE 8 aprile 2020, n. 23); vi proponiamo una breve descrizione:

  • Le PMI, i liberi professionisti, i negozianti al dettaglio e le piccole attività imprenditoriali possono ricevere fino a 25.000 euro* con garanzia automatica e gratuita del Fondo Centrale di Garanzia, attraverso un finanziamento dalla durata massima di 72 mesi, con inizio del rimborso della quota capitale dopo 24 mesi dall’erogazione.
  • Le imprese con fatturato fino a 3,2 milioni di euro possono invece usufruire di un finanziamento di importo fino al 25% del fatturato, dalla durata massima di 72 mesi, con inizio del rimborso della quota capitale fino a 24 mesi dall'erogazione, previa valutazione del Fondo Centrale di Garanzia che offre una garanzia gratuita del 90%

Le nostre filiali sono a disposizione per una consulenza specifica e competente e per supportare i Clienti nella scelta dell’opportunità più idonea alle proprie esigenze e per individuare eventuali soluzioni alternative. 

 

Sono disponibili i seguenti moduli per accedere ai finanziamenti:

  • modello di richiesta del mutuo 
  • modulo per la richiesta di garanzia fino a 25mila euro, che il beneficiario dovrà compilare e inviare alla banca per richiedere il finanziamento. 

 

Indicazioni per la compilazione e invio del modulo

Il modulo di richiesta della garanzia deve essere compilato e sottoscritto e fornito alla banca, attraverso un invio all'indirizzo e-mail della banca o via Posta Elettronica Certificata (PEC), con allegato un documento di riconoscimento in corso di validità del sottoscrittore, o con altra modalità.

Per la compilazione del modulo di garanzia, dopo aver inserito i dati anagrafici dell’impresa (inclusi quelli del legale rappresentante che sottoscrive il modulo) o quelli della persona fisica beneficiaria, al punto 13 della Scheda 1 (2/3) va indicata la finalità per la quale è chiesto il finanziamento (es. acquisto scorte, fido a breve per anticipo fatture, o semplicemente “liquidità”). 

Il punto 17 della Scheda 1 (2/3) del modulo di garanzia va compilato solo se l’impresa richiedente l’agevolazione ha già beneficiato2 di “Aiuti sotto forma di sovvenzioni dirette, anticipi rimborsabili o agevolazioni fiscali (punto 3.1)” attivati dal nostro Paese nell’ambito del Quadro temporaneo per le misure di aiuto di Stato a sostegno dell’economia per l’emergenza COVID-19 (Comunicazione della Commissione Europea del 19 marzo 2020 e successive modifiche e integrazioni).

 

*importo massimo di 25.000 euro e comunque non superiore al 25% dei ricavi risultanti dall’ultimo bilancio depositato o dall’ultima dichiarazione fiscale presentata, ovvero, per i soggetti beneficiari costituiti dopo il 1° gennaio 2019, da altra idonea documentazione, come autocertificazione (comunque, non superiore a 25.000 euro)

Messaggio pubblicitario con finalità promozionale.
Le condizioni contrattuali sono indicate nei Fogli Informativi messi a disposizione del pubblico presso gli sportelli della banca e nella sezione “Trasparenza” del sito internet. La concessione del finanziamento è rimessa alla discrezionalità della banca previo accertamento dei requisiti necessari in capo al richiedente.